Google Panda: stop alle duplicazioni! "Attente" Agenzie di Pubblicità e Marketing!

Google Panda - Sinfotech - Blog di web marketing"Il nostro obiettivo è molto semplice: dare agli utenti di internet le risposte più valide e rilevanti alle loro query". Questo ha annunciato Google dal suo blog ufficiale" Un precedente aggiornamento di Google aveva favorito la diffusione di siti mediocri strutturati in modo da favorire solo la quantità di informazioni e non la qualità.

L'update del 2009 "Coffeine" aveva prediletto nel panorama di internet, oltre alla quantità, anche la novità e la "freschezza" dei contenuti. Con l'aggiornamento Panda, Google sembra voler risolvere questi problemi, facendo prevalere la qualità e l'originalità dei contenuti alla quantità. Nella sua diffusione in Inghilterra Google Panda ha già mietuto le sue prime vittime tra le società di pubblicità e marketing e siti famosi.

Suite101.com ha, infatti, perso circa il 94% del proprio traffico mentre Ezine Article un netto 90%. Da questi dati appare evidente che i siti penalizzati sono proprio quelli che fino ad ora hanno campato di "duplicazioni". Molti siti, anche famosi, sono stati già pesantemente penalizzati per aver utilizzato lo shady linking (link nascosti inseriti nelle pagine Web).

Quello che è sicuro è che si dovrà dire addio alle campagne di "spam link building" e alle campagne di link building di scarsa qualità. Ma di cosa si ci deve preoccupare? Bè, se lavori nel settore pubblicità e marketing e hai un sito trasparente e "regolare" non dovrai preoccuparti proprio di nulla. Il nuovo aggiornamento non ti penalizzerà. Se invece hai utilizzato trucchetti, spam o duplicazioni all'interno del tuo sito ti converrebbe cercare di riparare. Il tempo stringe, e dopo il lancio negli USA avvenuto a febbraio, il lancio in Italia è previsto a giorni.

Di fatto sembra che questo nuovo aggiornamento porterà risvolti positivi e penalizzerà chi finora ha cercato di bypassare e aggirare il sistema. La cosa certa è che è stata tracciata una linea di demarcazione più netta fra i portali internet che offrono un valore aggiunto per l'utente e i portali in cui i contenuti sono messi semplicemente "per riempire".